Polpette di ricotta

Gustose, veloci e indolore: questo piatto nasce sia per fare di virtù un vanto (una di quelle preparazioni con i pochi ingredienti rimasti nel frigo) sia dalla voglia di mangiare la ricotta in modo inusuale. Signori e signore… le polpette di ricotta.

L’obiettivo di questo post è anche quello di entrare a far parte degli IT blogger di Grazia.it, non solo un modo per far conoscere a più persone questa piccola creatura e  di che pasta è fatta la mia cucina.

Polpette di ricotta

Ingredienti

 

  • Ricotta vaccina 250 grammi
  • Pan grattato
  • 2 cucchiai di pecorino romano
  • Un mazzetto di prezzemolo
  • Sale, pepe, noce moscata
  • Olio evo

In un recipiente, sbatti la ricotta per qualche minuto aggiungi 4 cucchiai di pan grattato, il pecorino romano, una spolverata di noce moscata e di pepe.

Polpette di ricotta

Amalgama bene tutti gli ingredienti e unisci per ultimo il prezzemolo. Aggiusta di sale e inizia a fare le polpette avendo cura di panarle subito e passarle in padella con olio evo bollente.

Leggi le mie ricetta anche su FOUR Magazine.

Annunci

Fake quiche agli asparagi

Mangiare un ortaggio di stagione  e non cucinarlo sempre nello stesso modo può essere un’impresa e se in più ci metti che non vuoi usare né uova né latte o derivati la cosa si complica ancora di più. Signori e signore, ecco a voi la Fake quiche agli asparagi altrimenti nota come Faquiche ovvero la vegan quiche.

Ingredienti

  • 500 grammi di asparagi
  • 250 grammi di tofu
  • 200 grammi di panna vegetale all’avena
  • Un bicchiere di latte di avena
  • Pasta brisée con grassi vegetali
  • 3 cucchiai di amido di mais
  • olio evo, sale, pepe

Pulisci gli asparagi avendo cura di non rovinare le punte. Legali con spago e cuocili, in un pentolino con bordo alto, in acqua bollente per 15 minuti lasciando le punte fuori dall’acqua.

Cuoci alla cieca la pasta brisée in una teglia da 20 cm di diametro (10 minuti in forno con carta forno e ceci per non farla gonfiare). In una ciotola frulla il tofu tagliato a cubetti, la panna, il bicchiere di latte, 2 cucchiai di olio evo e una macinata di pepe fresco. Assaggia e aggiusta di sale. Aggiungi l’amido di mais uno alla volta fino ad ottenere un composto cremoso ma denso. Rovescia metà composto nella pasta brisée, adagia gli asparagi e ricoprili con altro composto. Cuoci in forno a 180°c per 20 minuti,

La dritta: Spennella la quiche a metà cottura con olio e un po’ di latte di avena: il risultato sarà una doratura perfetta.

Quiche

 

Velluta di carote e paprika dolce

La velluta di carote e paprika dolce è un piatto light dal sapore delicato, dolce e velocissima da preparare.

  • Carote 600 grammi
  • 2 patate medie
  • Porro 50 grammi
  • Brodo vegetale 800 ml
  • Latte 90 ml
  • Olio evo
  • Un mazzetto di prezzemolo
  • Sale, pepe e paprika dolce

Pela carote e patate e tagliale grossolanamente. Trita il porro e lascia rosolare con abbondante olio evo per due minuti.

Aggiungi carote e patate e fai imbiondire per qualche minuto. Aggiungi 600 ml di brodo vegetale. A metà cottura unisci abbondante prezzemolo e un cucchiaino di paprika dolce.

Prepara l’emulsione alla paprika. Sarà sufficiente unire 3 cucchiai di olio d’oliva con un pizzico di paprika e mescolare fino a quando non diventerà rossa.

Quando le verdure saranno morbide aggiungi il restante brodo, il latte, un pizzico di sale mezzo cucchiaino di paprika dolce e frulla con un mixer fino ad ottenere la consistenza desiderata.

Se dovesse risultare troppo liquida sarà sufficiente aggiungere un cucchiaio di maizena per addensare e non alterare il sapore.

Versa in una ciotola per zuppe servendola con l’emulsione di paprika, del prezzemolo fresco e una spolverata di pepe appena macinato.

La dritta: Se il sapore troppo dolce della carota dovesse non convincervi del tutto è possibile spezzare con una spezia dal sapore più forte. Sarà sufficiente sostrituire la paprika dolce con la cannella.

E se finisce il pane? Fai le mini piade!

L’alimento preferito della cucina italiana è sicuramente il pane, ma se finisce e ci viene proprio voglia di carboidrato? Niente di più semplice: basta rovistare in dispensa e con pochi ingredienti fare delle ottime mini piadine.

Ingredienti per circa 10 mini piade

  • 300 grammi di farina 00
  • 50 grammi di burro
  • Un cucchiaino di bicarbonato
  • Un cucchiaino di sale
  • 50 ml di latte
  • 40 ml di acqua

La preparazione è davvero semplice. Unisci farina, sale, bicarbonato e crea la classica fontana. Versa il burro fuso, l’acqua, il latte e lavora energicamente per almeno dieci minuti. Il composto dovrà risultare omogeneo e compatto. Lascia riposare per venti minuti.

Una volta pronto sarà sufficiente stendere la pasta e ottenere dei dischi con un coppapasta del diametro di 10 cm o con una tazza e mettere in padella per circa 2 minuti per lato.

La dritta: E’ possibile sostituire il burro con l’olio di semi. Il risultato sarà una piadina più fragrante e dal sapore più intenso.

Vellutata di finocchi e aneto

Leggera e disintossicante, la vellutata di finocchi ha un sapore molto delicato ed è perfetta da gustare con crostini croccanti preparati sul momento con pane tirolese e olio evo.

Ingredienti per 2 persone

  • 2 finocchi grandi (circa 800 gr)
  • Una patata grande
  • Una cipolla bianca
  • Aneto
  • 600 ml di brodo vegetale
  • Un bicchiere di latte
  • Olio evo
  • Sale

Aneto

Pulisci bene i finocchi e la patata e tagliali a pezzettini. Trita la cipolla e mettila in padella con abbondante olio. Una volta che la cipolla sarà ben rosolata unisci il finocchio, la patata e abbondante aneto fresco sminuzzato. Lascia imbiondire per due minuti, aggiungi il brodo e porta a cottura a fuoco lento per circa 20 minuti. A fine cottura aggiungi il bicchiere di latte e frulla tutto. Aggiusta di sale e servi con un filo di olio d’oliva a crudo e aneto fresco.

La dritta: Se la vellutata dovesse risultare troppo liquida è possibile aggiungere 2 cucchiai di maizena diluita in acqua calda per addensare e non alterare il sapore.