Salsa tzatziki vegana

La salsa tzatziki è fra le certezze della cucina greca e uno dei piatti più semplici e veloci da realizzare.  Può essere servita come accompagnemento per insalate di tutti i tipi, pane o con della pita.

Salsa yogurt greca

Ingredienti

  • 100 ml Yogurt bianco di soia
  • Un cetriolo
  • olive nere
  • Uno spicchio d’aglio
  • Olio evo
  • Aceto di mele
  • sale, pepe

Lava il cetriolo, elimina parte della buccia e taglialo a pezzettini. Frulla un quarto di cetriolo con un mixer con lo spicchio d’aglio privato dell’anima, un cucchiaio di olio e mezzo di aceto di mele. Versa in una ciotolina lo yogurt bianco di soia e uniscilo al composto frullato.

Aggiusta di sale e pepe. Lascia riposare in frigo. Prima di servirlo aggiungi il cetriolo a pezzettini e delle olive nere tagliate a rondelle.

Annunci

Galettes di patate

Le galettes di patate sono delle frittatine del nord della Francia ideali da gustare con insalata o da mangiare come contorno a carni bianche. Possono essere cotte al forno o in padella con un filo d’olio evo e arricchite da vari odori come rosmarino, timo o aneto.

Ingredienti

  • 3 patate grosse (500-600 grammi)
  • Farina 60 grammi
  • 3 uova intere
  • 3 albumi
  • Crème fraiche 100 grammi
  • Sale e olio evo

Galettes di patate

Lava le patate e lessale in acqua bollente salata. Una volta cotte scolale e sbucciale. Schiaccia le patate e aggiungi in una ciotola la farina, le uova e la crème fraiche densa. Monta 3 albumi e unisci lentamente all’impasto facendo attenzione a non smontare gli albumi.

Scalda un filo d’olio in una padella e cucina le galettes, 2 minuti per lato e… Bon appétit.

Insalata orientale con pollo all’avocado e semi di papavero

L’insalata orientale è un piatto ricco di enzimi metabolici e sostanze nutritive che fan bene all’organismo e bla, bla, bla… (insomma tutte quelle cose belle che si leggono in giro dei germogli). Io ho utilizzato quelli di soia e ravanello rosso perchè più facili da reperire in negozio e gustosi.

Ingredienti

  • 300 grammi di spinacino fresco
  • 2 carote tagliate a julienne
  • germogli di ravanello rosso
  • germogli di soia
  • Petali di mandorle
  • Fiori eduli
  • Mezzo avocado maturo
  • Semi di papavero
  • 200 grammi di petto di pollo
  • Salsa di soya shoyu
  • Olio, sale

Prepara il pollo: griglia il pollo in padella con un filo d’olio. Una volta pronto lascia raffreddare e taglialo a tocchetti.

Prepara la crema all’avocado: pulisci l’avocado, taglialo finemente e riduci il tutto in crema. Unisci l’avocado a 3 cucchiai di olio e un cucchiaio di soya shoyu. Amalgama bene gli ingredienti e unisci il pollo a tocchetti.

foto 4

Prepara l’insalata: in una ciotola abbastanza capiente unisci spinacino, carote, germogli e pollo. Servi rifinendo con petali di mandorle e fiori eduli.

Okonomiyaki

Originario della regione del Kansai (quella di Kyoto e Osaka per intenderci), l’okonomiyaki è forse uno dei piatti più caratteristici della cucina giapponese.

Ne esistono di tantissime varianti, dai gamberi a frutti di mare a quelle vegeariane, ma la mia preferita rimane quella con la pancetta. Pronti a fare un buonissima frittella giapponese più buona di quella di Marrabbio?

Ingredienti per 2 okonomiyaki (sotto tutte le dritte per sostituire tutti gli ingredienti)

  • Farina per okonomyaki: 100 grammi
  • Acqua o brodo di pesce: 160 grammi
  • Cavolo giapponese 300 grammi
  • 2 uova
  • Porro 2 rami
  • Tenkasu (o farina per tempura) 30 grammi
  • Bacon 6 strisce
  • Maionese Kewpie
  • Salsa per Okonomyaki
  • Bonito (tonno essiccato a scaglie)

Taglia a listarelle il cavolo, in una scodella mescola farina e acqua finché non si amalgamano a perfezione. Aggiungi il porro, farina per tempura, cavolo e amalgama il tutto.

Metti un po’ di olio su una griglia e fai raggiungere 200°.  Dividi in due parti il composto e mettine una parte sulla griglia, formando un pancake di 30 cm di diametro. Aggiungi il bacon coprendo la parte superiore.

Gira l’okonomyaki dalla parte del bacon dopo 3 minuti e cuoci per altri 4 minuti. Rigiralo e finisci la cottura per 3 minuti. Metti l’okonomyaki in un piatto e spennellalo con salsa okonomyaki, maionese e bonito.

Le dritte: Se non trovi gli ingredienti giusti non c’è nessun problema, l’Okonomyaki viene buonissimo con ingredienti più facili da reperire.

  • Per la farina: mescola insieme 80 grammi di farina 00 con 20 grammi di amido di mais
  • Per la salsa Okonomyaki: sostituiscila con quella BBQ
  • Per la maionese Kewpie: una una maionese light
  • Per il cavolo giapponese: il cavolo verza è un ottimo sostituto
  • Per il bonito: sostituirlo con tonno normale frullato

 

Cocktail analcolico Do Brasil

La prima volta che ho bevuto questo cocktail ho subito pensato che non sarei più riuscito a farne a meno soprattutto per il buon sapore e la freschezza degli ingredienti. Si tratta di una versione inedita e analcolica della capirinha brasiliana perfetta per l’ondata di caldo di questi giorni e per festeggiare la Coppa del Mondo 2014.

Ingredienti

  • Un lime tagliano in 4 spicchi
  • 20 grammi di Truvia (edulcorante estratto dalle foglie di stevia)
  • Ghiaccio
  • Ginger Ale

Do Brasil

Metti nel bicchiere il lime, i 20 grammi di Truvia e pesta energicamente per amalgamare bene i due ingredienti. Rimpi il bicchiere di ghiaccio e aggiungi il Ginger Ale. Mescola con un cucchiaino a gambo lungo per qualche secondo, bevi e goditi i Mondiali 2014!

Segui le mie ricette anche su FOUR Magazine.